30/03/2011 :: 16:56:54

Carmine Nardone deve uscire allo scoperto



Comprendo le difficoltà e il suo personale imbarazzo nel capeggiare una coalizione di centrodestra, ma una volta abbracciata la causa di Viespoli e Mastella si faccia anche carico di rappresentarla con il suo volto e la sua voce, senza indugi.
Non è rispettoso nei confronti dei cittadini-elettori, affidare le proprie esternazioni ad un fantomatico ‘comitato elettorale’: se Nardone ha qualcosa da dire, lo faccia di persona.


Ciò chiarito, dovendo purtroppo ricondurre a lui le risibili affermazioni del suo comitato, per ripristinare un minimo di serietà e qualità in questo confronto, mi corre l’obbligo di fornire due delucidazioni:

1) La sala consiliare è la casa comunale ed è a disposizione di tutti i cittadini che ne facciano richiesta. La stessa è sempre aperta al dibattito politico ed amministrativo, in particolare per tutte le vicende legate al Comune. Il sindaco in carica per parlare delle vicende amministrative, delle scelte dei consiglieri, e nel caso di specie del fallito tentativo di scioglimento anticipato, deve usare l’aula consiliare.
Nardone chieda agli ex missini che tiene in coalizione le modalità di utilizzo della sala, scoprirà che i suoi compagni di cordata hanno persino ‘addobbato’ quell’aula con dei sacchetti di immondizia. Noi ci siamo limitati a mostrare la fotografia di un consigliere: non credo ci siano paragoni!
Sull’utilizzo delle strutture pubbliche a fini personali, piuttosto, per carità di patria eviti il candidato anche solo di citare l’argomento.
Sull’argomento conosce la mia serietà e l’ha più volta elogiata, se davvero come dice vuol mettere al centro del dibattito le idee per la città, usi quelle e lasci perdere la dietrologia.

2) All’Albo Pretorio del Comune di Benevento, con la possibilità di consultazione anche on line, sono visionabili da chiunque, gli atti prodotti ed in scadenza in queste settimane. Può leggere Nardone, insieme a tutto il suo comitato, che sono pubblicati, tra i più recenti, bandi relativi a: operatori per lo smaltimento di sostanze inquinanti; beneficiari del Market Solidale; affidamento dei lavori per il Ponte ciclopedonale di S.Maria degli Angeli; riqualificazione della Colonia Elioterapica; stazione attrezzata per i bus extra urbani a Santa Colomba; graduatoria del servizio di affido familiare; servizio di assistenza educativa domiciliare; assegnazione dei buoni libro per garantire il diritto allo studio; oltre a tutta un’altra serie di adeguamenti, ordinanze e procedure già in corso. Su quanto riportato invito la stampa a realizzare ogni approfondimento utile a smascherare il tentativo di mistificazione prodotto.

Legga e si convinca, l’ottimo Nardone, che questo è il Comune di Benevento da quando a guidarlo è il sottoscritto: una macchina al servizio del cittadino.

Se vuole ci provi a bloccare le suddette iniziative, frutto di una programmazione pluriennale ed esercizio trasparente dell’azione amministrativa. Non creda, però, di produrre un danno a me o alla mia coalizione. I cittadini penalizzati sapranno chi ringraziare.

Mentre Nardone ed i suoi si attardano in queste sterili polemiche, il governo regionale di centrodestra vuol fare del Sannio la discarica campana. A sostegno di questi progetti ci sono gli alleati di Nardone, tutti organici alla giunta Caldoro.
 

Il Sindaco di Benevento
Fausto Pepe






Leggi anche le altre news





newsletter

Nome

E-mail

sms

Telefono







Pagina FaceBook di Fausto Pepe
Il canale YouTube di Fausto Pepe
Il canale YouTube di Fausto Pepe